Il Mercato di Teguise: una domenica di musica e colori


Nell’antica capitale dell’isola di Lanzarote, ogni domenica mattina artigiani, artisti e piccoli commercianti si riuniscono per dare vita ad un evento da non perdere: il mercato di Teguise.

Il “mercadillo”, a dispetto dell’accezione diminutiva, è davvero grande ed ha un’offerta insolitamente variegata. Al punto da piacere anche a chi è allergico alle compere, tipo mio padre e mio fratello, sorprendentemente entusiasti di tornarci di nuovo nella loro ultima vacanza qui a Lanzarote (!!!). Quindi vostro marito / fratello / figlio non avrà giustificazioni! 😀

LA VILLA DE TEGUISE

Innanzitutto un po’ di storia. Teguise è stata la prima capitale dell’isola, quando gli autoctoni si stabilizzarono in un posto sicuro nell’entroterra per difendersi dagli attacchi dei pirati.
Solo in seguito, quando l’isola iniziò a svilupparsi e a commerciare, la capitale si spostò verso la costa e diventò Arrecife.

Il luogo più sicuro dove ripararsi ai tempi dell’antica capitale era il Castillo de Santa Barbara, situato sul promontorio più alto della zona, adesso adibito a museo della pirateria.

Il resto della cittadina è molto caratteristico ed incarna bene l’edilizia tipica canaria, con le sue case di un bianco luminoso ed i suoi fiori colorati. Le insegne dalle grandi lettere irregolari le danno un tocco inconfondibile. Degna di nota la basilica di Nuestra Señora de Guadalupe, merita un’occhiata.

img_8820
Il campanile della basilica di Nuestra Señora de Guadalupe



IL MERCATO DI TEGUISE

Il mercato di Teguise vi occuperà senza dubbio tutta la mattinata. Si estende per tutte le strade e le piazze del centro, rendendo la cittadina piena di colori e musica.

Si può trovare di tutto: dall’artigianato locale, ai prodotti tipici alimentari, all’arte .

Oltre agli stands ed ai venditori ambulanti, anche i commercianti della città contribuiscono alla varietà del mercato: negozi di abbigliamento e souvenirs, articoli sportivi per il surf, e certamente tapas bar e caffetterie.

In ultimo, nella piazza più grande, troviamo un grande spazio dedicato allo street food: stand gastronomici pronti a sfamare sia i palati più “nordici” (fish’n chips e cibo da fast food) sia chi vuole provare l’offerta locale, dai churros alle crocchette di pesce ed i vari assaggi di formaggi locali.

Se superate la barriera del cibo e riuscite a percorrere l’ultima salita, avrete la fortuna di vedere qualche cammello, asino o capretta che gli allevatori portano qui per l’occasione.

7 COSE DA NON PERDERE AL MERCATO DI TEGUISE

Ovviamente ognuno ha i suoi gusti; io resto affascinata da alcune cose che secondo me vale la pena vedere.
Sono quelle che rappresentano maggiormente lo spirito dell’isola, dove comprare (o anche solo guardare) significa portare con voi una parte di Lanzarote.

1- Lo stand di Jardin del Mar

Il mio preferito in assoluto. Lo stile di questi artigiani è meraviglioso: con materiali semplici (legno) e colori marinari, realizzano degli oggetti dal gusto unico, perfetti per decorare la vostra casa al mare (o fare in modo che la vostra casa lo sembri). Il punto forte sono le targhe dedicate alle varie località dell’isola, dalla grafica vintage e colorata. SUPER!

Se volete saperne di più, ecco il link alla pagina Facebook di Jardin del Mar ➪ https://www.facebook.com/jardindelmarlanzarote/

2- Il banco del signore dei vini

O almeno io lo chiamo così. Il simpatico signore che si trova poco prima della piazza maggiore, vi farà assaggiare senza indugio i vini delle varie bodegas (=cantine) dell’isola. Così, se non l’avete ancora fatto, scoprirete il sapore del Malvasia Vulcanico di Lanzarote. Serve specificare che ne vale la pena…?

img_5080



3- La Galeria La Villa

Ho scoperto questo piccolo angolo nascosto solo nella mia ultima visita al mercato. È un “chiostro” all’interno di un edificio, racchiuso tra piccoli negozi di artigianato. Oltre ai prodotti in vendita tutti da scoprire, la bellezza della galleria risiede proprio nel suo piccolo giardino nascosto, dall’atmosfera unica.

4- I canti popolari

Se siete fortunati vi imbatterete nell’esibizione dei canti popolari dei conejeros (abitanti di Lanzarote) di tutte le età, rigorosamente in costume tipico. Non so se ci sia un’ora esatta per l’esibizione, comunque ha luogo nella piazza della basilica. È un momento che vi trascinerà in un’atmosfera di altri tempi!

img_8768
Esibizione di un gruppo di conejeros in costume tipico

 

5- I gioielli di pietra vulcanica di Alicia Penin

In giro per l’isola se ne trovano tanti, ma al mercato di Teguise c’è un negozio che fa la differenza. Tra gioielli e quadretti di pietra vulcanica e vernici colorate, avrete la possibilità di regalarvi un piccolo pezzo di isola.

6- Gli artisti di strada

A parte i musicanti, tra strimpellatori e ballerine di flamenco, c’è una coppia che ipnotizza i passanti. Lui è la rappresentazione di un antico mencey guanche (re degli antichi abitanti dell’isola), lei è una splendida palmera canaria truccata e ammiccante. Un’offerta libera a loro va fatta volentieri… perchè non si comprano solo oggetti, ma anche sensazioni 🙂

img_8903
Ichasagua, l’ultimo re dei guanci, e la bella palmera canaria

 

7- La casa dell’accumulatore seriale

Al di fuori del mercato di Teguise, ma è impossibile non vederla salendo in città dal parcheggio. È semplicemente inspiegabile, una casa con giardino in cui un misterioso/a accumulatore di oggetti ha esposto tutta la sua mercanzia come fosse un museo a cielo aperto.
Tra statue di pietra, monitor obsoleti, bambole ignude e scarpe vecchie il risultato è uno spettacolo di dubbio gusto. A tratti può sembrare inquietante, a me fa ridere un sacco. In ogni caso, non può lasciare indifferenti.

INFO UTILI

  • Il mercato di Teguise ha luogo tutte le domeniche, dalle 9 alle 14.
  • Si può parcheggiare nelle varie aree predisposte prima dell’isola pedonale; non fermatevi alla prima, piuttosto arrivate fino su. Vi risparmierete un sacco di passi sotto il sole.
  • La città di Teguise è molto attiva di domenica. Se avete intenzione di trattenervi qui anche dopo il mercato, ci sono dei locali che si riempiono di gente fino a tarda notte.
  • Se invece volete proseguire altrove il vostro giro dell’isola, nelle vicinanze trovate un’attrazione da non perdere: la Casa Museo LagOmar, antica casa di Omar Sharif con una storia tutta da scoprire.




 

ALTRO SU LANZAROTE:
Ti è piaciuto il post? Votalo!

4 Commenti

  1. Pingback: Arrecife: la mia nuova capitale • VITA da CANARI

  2. Pingback: Il villaggio di Arrieta ed il suo "segreto" • VITA da CANARI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.