LagOmar: l’assurda storia della casa da sogno di Omar Sharif


Si, Omar Sharif aveva una casa a Lanzarote… qui conosciuta come Casa-Museo LagOmar; non esagero se vi dico che è stata protagonista di una storia assurda.

Domanda: vi siete mai sentiti così sicuri in una discussione da dire “è così, MI CI GIOCO LA CASA!”…?

Beh io mi auguro che non vi abbiano mai preso sul serio, e se si, che non sia andata come al povero Omar Sharif.



OMAR SHARIF: UNA VITA DI FILM E BRIDGE

Innanzitutto per chi non ha ben chiaro chi sia, Omar Sharif è stato un famoso attore egiziano (se volete approfondire, andate sulla sua pagina Wikipedia). Ha recitato in tantissimi film, principalmente storici e di avventura.
Uno di questi, “L’Isola Misteriosa“, fu girato proprio qui a Lanzarote. E durante la sua permanenza sull’isola, l’attore si innamorò perdutamente di questa villa e la comprò.

Lagomar - Omar Sharif, la Isla Misteriosa poster
Locandina del film La Isla Misteriosa, presente anche nella Casa Museo

 

Oltre ad essere uno straordinario attore, Omar Sharif era anche un accanito giocatore di bridge. Gli dava giù con le carte, insomma.
E partecipò ad una partita subito dopo aver acquistato la casa.
Sentite già odore di tragico finale…?! La posta in gioco sale e Omar scommette la casa. E la perde. Fine dei giochi.

Però c’era l’inghippo: chi lo invitò a giocare era lo stesso imprenditore che fece costruire la casa, il quale, fatalità, era campione europeo di bridge. Conoscendo la forte propensione al gioco di Omar Sharif, sapeva di avere su un piatto d’argento l’occasione per “riprendersi” la casa, e ci riuscì.

L’attore rimase così deluso da non voler più tornare a Lanzarote una volta terminate le riprese del film. Però se l’è cercata!

 

Lanzarote, Lagomar - bridge
Il tavolo incriminato. Dietro a Max, una foto dell’attore mentre gioca.

 

LA CASA-MUSEO LAGOMAR

La casa è a dir poco meravigliosa. Si trova a Nazaret, un piccolo villaggio nel centro dell’isola nei pressi di Teguise, l’antica capitale di Lanzarote. Ci si inoltra salendo tra le villette bianche, e quando si arriva alla fine del paese, nel punto più alto… lì c’è LagOmar.

È impossibile non accorgersi di essere arrivati: si capisce al volo che dietro le mura bianche che ci si parano davanti, c’è qualcosa di decisamente particolare.

Lanzarote, Lagomar - entrata
La casa è stata progettata da César Manrique, sempre lui, l’architetto del Jardin de Cactus e di Jameos del Agua, e costruita dall’artista Jesús Soto.
Ne è risultato uno splendido rifugio scolpito nella pietra lavica, dominato da continui contrasti: le rocce nere e la pavimentazione bianco laccata, il lago e le caverne, la vegetazione e le strane sculture in ferro. Soprattutto, la semplicità dei materiali, singolarmente rozzi ed essenziali, che combinati ad arte danno vita ad una dimora esotica con atmosfera da “Mille e Una Notte“.

Lanzarote, Lagomar - lanterna
LagOmar, sentiero

 

Nella Casa-Museo LagOmar potrete trovare:

  • un ristorante proprio all’entrata, piuttosto elegante, tra pareti di roccia e vetro
  • un piccolo lago, con pergola e terrazza dove rilassarsi con una bevanda
  • dei tunnel nella roccia, come piccole caverne, che collegano le aree
  • la casa vera e propria
  • un lounge bar scavato in una grotta
  • un’area wine-bar con terrazza e laboratorio artistico

Come si può ben intuire, è una continua alternanza interni-esterni. Mi rendo conto che è difficile immaginare, confido che le immagini possano rendere giustizia!

Lanzarote, Lagomar - tunnel
Tunnel con percorso sull’acqua.



 

DA SAPERE

• Innanzitutto, per la sua posizione, è comodo passare a LagOmar venendo da Teguise. Molta gente infatti approfitta del famoso mercato della domenica per venire qui a pranzo. Ovviamente, in quest’occasione c’è sempre il pienone!

• Il costo è di 6,50€ per i turisti; gratis per i residenti. Si paga solo fino alle 18:00, orario in cui chiudono la casa-museo ed il wine bar, ed apre invece il lounge bar, che resta aperto fino alle 2 di notte.

• Nel wine bar si fa degustazione di vini locali, ed il venerdì c’è il laboratorio artistico: si organizzano corsi e sessioni di disegno su varie tematiche.

• Il lounge bar a volte ospita serate jazz; credo che l’atmosfera di notte lì non abbia prezzo.

Lanzarote, Lagomar - notte
Photo credits: www.abc.es

 

La Casa Museo dispone anche di 2 bungalow con piscina da affittare.

Le info dettagliate potete trovarle sul sito ufficiale, che vi consiglio di visitare: http://www.lag-o-mar.com/

Di certo non è una casa come tante. Merita la visita, non credete? 🙂

 

ALTRO SU LANZAROTE:

 



4 Commenti

  1. Pingback: Rancho Texas, il parco tematico di Lanzarote • VITA da CANARI

  2. Pingback: Il Mercato di Teguise: una domenica di musica e colori • VITA da CANARI

  3. Pingback: Arrecife: la mia nuova capitale • VITA da CANARI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.