L’oasi magica di Jameos del Agua


Lanzarote, Jameos del Agua map

 

Avete presente le oasi del deserto? Quelle che appaiono dal nulla, tra l’aridità circostante… formate da uno specchio d’acqua, palme e fiori colorati…?!

Ecco, Jameos del Agua è l’oasi di Lanzarote, un luogo magico ed inaspettato che nasce nelle condizioni più avverse sfidando la natura. Ed è pieno di sorprese!

LA VITA IN UNA GROTTA

Jameos del Agua è un ambiente creato all’interno del tunnel vulcanico che si è formato in seguito all’eruzione del Volcán de la Corona; questo tunnel è lungo ben 7 kilometri, e una buona parte adesso è sommersa dall’oceano.

Jameos del Agua ne occupa solo una piccola parte, quella più prossima alla costa, ed è l’unica che è stata “contaminata” dall’opera umana; in particolare da quell’umano chiamato César Manrique, che spesso mi trovo a nominare nel blog (per forza, qui ha messo mano praticamente dovunque)!
Infatti Jameos del Agua è il primo Centro d’Arte, Cultura e Turismo che Manrique ha creato, e tutt’oggi al suo interno si tengono spettacoli teatrali e musicali, cene a tema, dj set.

 

Lanzarote, Jameos del Agua - Noche de Jameos
foto: inside.lanzarote3.com

 

Per godersi le sorprese di questa oasi, bisogna scendere in una grotta illuminata dai cosiddetti Jameos, ovvero cavità nella roccia. Ce ne sono 3: il Jameo Chico, la cavità da dove si entra; il Jameo Grande, cioè l’apertura di uscita dalla grotta, e il Jameo Redondo, che è posto al centro della grotta e illumina lo specchio d’acqua che si trova al suo interno.

UN’OASI DI SORPRESE

L’ultima volta che sono scesa in un luogo sotterraneo e sono rimasta tanto sconcertata e senza fiato è stato nella metro di Roma Termini.

 

Ma qui, per fortuna, le sorprese sono tutte positive! Quindi scendiamo senza paura, e godiamoci luci, colori e odori propri di una favola (difficili da ritrovare a Roma Termini, soprattutto gli odori).

  • La prima cosa che incontriamo scendendo è il ristorante di Jameos del Agua, perfettamente integrato nell’ambiente circostante; sembra che ci sia da sempre! Suggestivo, dall’atmosfera esotica e naturalistica; immagino sia spettacolare cenare lì durante un evento.

 

Lanzarote, Jameos del Agua - ristorante
Ristorante

 

  • Scendiamo di nuovo: questa volta siamo davanti allo specchio d’acqua. Turchese è dire poco: sembra illuminato artificialmente, in realtà è il Jameo Chico che lascia filtrare la luce da sopra, e questa si riflette nell’acqua immobile creando un effetto glitter.
    Ma… COSA SONO TUTTI QUESTI PUNTINI BIANCHI NELL’ACQUA?!

 

Lanzarote, Jameos del Agua - acqua
Specchio d’acqua turchese

 

Jameos del Agua ospita una specie animale UNICA AL MONDO: i granchi albini ciechi. Non sono più lunghi di 2 centimetri, e la mancanza di luce solare nella grotta ha causato la totale perdita di melanina di questi piccoli esserini; come se non bastasse, la genetica ha fatto si che questo fattore li portasse alla cecità. Che sfiga!

 

 

  • Dopo aver incontrato gli animaletti simbolo di Jameos del Agua, si prosegue per il sentiero che costeggia lo specchio d’acqua (a volte è anch’esso coperto d’acqua e bisogna attraversarlo scalzi) e si arriva in prossimità dell’uscita (Jameo Grande). Comincia la risalita, e il percorso si copre di vegetazione! Fiori colorati, piante grasse, un bar scavato nella roccia con tanto di bancone e sedute in pietra sono lo scenario che ospita le serate di intrattenimento e musica. Che meraviglia!

 

Lanzarote, Jameos del Agua - giardino
Il giardino

 

  • Usciti dalla grotta c’è l’oasi vera e propria. Una piscina creata su una pavimentazione bianca e sinuosa, priva di spigoli; l’acqua si colora di un azzurro esagerato, e accoglie al suo interno l’ombra di una palma gigantesca. Intorno, fiori e piante di tutti i colori.

 

Lanzarote, Jameos del Agua - oasi
L’oasi di Jameos del Agua

 

  • In ultimo, siccome le sorprese non erano abbastanza… da un lato della piscina si accede ad un auditorium… scavato nella roccia del tunnel! è qui che si tengono i concerti delle Noches de Jameos. Davvero suggestivo!

 

Lanzarote, Jameos del Agua - auditorium
Auditorium nella grotta

 

UN INNO ALLA NATURA

Jameos del Agua è un vero e proprio inno alla natura; nonostante sia stato plasmato dall’intervento umano, ogni suo elemento è valorizzato all’ennesima potenza. L’acqua, la roccia, i piccoli granchi, piante e fiori coesistono in questo ambiente creando un luogo ideale nel senso platonico del termine: ogni elemento è unico e perfetto nel suo genere.

In questo elogio alla natura, non viene tralasciato il fattore causa di tutto ciò: l’attività vulcanica, raccontata e illustrata nell’esposizione della Casa de Los Volcanes (nell’edificio sovrastante).

Bene, temo che il mio racconto non renda sufficientemente l’idea… quindi godetevi le immagini e i colori che ho potuto catturare, luce permettendo!

…è o non è un’oasi fatata!?

 

ALTRO SU LANZAROTE:

 

14 Commenti

  1. Liz

    L’auditorium nella grotta e lo specchio d’acqua con l’effetto glitter sono i miei preferiti! Visitare il tunnel penso sia un’esperienza bellissima peccato per l’intervento umano troppo evidente…tipo la piscina. Io avrei lasciato il tutto più….naturale.

    1. Infatti la piscina è piuttosto “artefatta”; però questa è l’unica parte del tunnel dove Manrique ha dato sfogo alle opere di architettura. Di fronte alla struttura (a circa 1 km) c’è l’ingresso alla parte della grotta lasciata immutata, cioè la CUEVA DE LOS VERDES, dove è possibile percorrere a piedi il tunnel vulcanico e ammirare la grotta in tutto il suo splendore naturale 🙂

  2. Pingback: Castillo de San José: fame, arte… e amore | Vita da canari

  3. Pingback: Museo Atlántico: un museo subacqueo alle Canarie – Vita da canari

  4. Pingback: Jardín de Cactus – Vita da canari

  5. Pingback: Mirador del Rio: senza fiato! • VITA da CANARI

  6. Pingback: Jardín de Cactus: il parco "spinoso" di Lanzarote • VITA da CANARI

  7. Pingback: La terra dei vulcani: il paesaggio lunare di Lanzarote • VITA da CANARI

  8. Pingback: Il villaggio di Arrieta ed il suo "segreto" • VITA da CANARI

  9. Pingback: Tiki bar: un angolo di Polinesia a Lanzarote • VITA da CANARI

  10. Pingback: LagOmar: l'assurda storia della casa da sogno di Omar sharif • VITA da CANARI

  11. Pingback: Charco De Los Clicos: il lago verde • VITA da CANARI

  12. Pingback: Casa Tomás: canario verace • VITA da CANARI

  13. Pingback: Castillo de San José: fame, arte... e amore • VITA da CANARI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.