Viaggio a Lanzarote: tutto ciò che devi sapere

It is not available yet for this language.


 

Dopo 3 anni di vita sull’isola, pubblico finalmente la mia guida per un imperdibile viaggio a Lanzarote… un’isola che per certi versi rappresenta un lato ancora poco conosciuto delle Isole Canarie.

Questa guida sarà il vostro vademecum su tutto ciò che c’è da sapere per organizzare il vostro viaggio: cosa c’è da non perdere a Lanzarote, dove alloggiare, gli itinerari, e… qualche piccolo suggerimento PRO da non-turista.

Amo questa terra come se ci fossi nata, e anche se i miei mi fanno le smorfie quando lo dico… questa è casa mia.

E adoro che gli sia stato appioppato l’appellativo di “isola diversa”, perché a me le cose ordinarie non piacciono, e forse è per questo che sono qui.

 



LANZAROTE, L’ISOLA DIVERSA

Sapete cosa succede ad un’ostrica quando qualcosa la danneggia?

Lei si difende ricoprendo i corpi estranei con degli strati di minerale… e così nascono le perle.

Lanzarote è come un’ostrica.

Per capire l’essenza di quest’isola, bisogna tenere conto degli avvenimenti che l’hanno danneggiata, modificandone la natura in modo estremo e mettendo a dura prova le condizioni di vita dei suoi abitanti.

Mi riferisco in particolar modo alla tremenda eruzione vulcanica che l’isola subì e che durò ben sei anni, durante i quali la lava devastò interi villaggi e territori; basti pensare che fu prodotto un quantitativo di magma tale da allargare l’isola di circa 11 kmq.

Da queste calamità, Lanzarote è riuscita a rinascere trasformando i suoi drammi in “perle”: il particolare paesaggio ed il terreno vulcanico oggi sono fonte delle maggiori risorse di turismo ed enogastronomia dell’isola, ed inoltre l’intera isola è stata dichiarata Riserva della Biosfera.

 

Timanfaya Lanzarote
Tipico paesaggio nell’entroterra dell’isola

 

Più avanti con la lettura scoprirete il perché!

Geografia e c(a)lima

Lanzarote è l’isola più nord-orientale delle Canarie.
Non è la più vicina all’Africa (primato che spetta a Fuerteventura), ma di certo la sua posizione risente degli influssi climatici del continente nero. È infatti estremamente arida, ed è qui che spesso si registrano i picchi massimi di temperatura (della Spagna, spesso anche dell’Europa). Fortunatamente gli alisei rendono il clima sopportabile, facendo in modo che tutti quei gradi non vengano effettivamente percepiti.

Qui non piove quasi mai, il nostro anno ha più di 300 giorni di sole… e non si potrebbe neanche parlare di “precipitazioni”, visto che l’effetto della pioggia è quello dell’acqua nebulizzata.

➡︎ Un particolare fenomeno che qui avviene spesso, è la CALIMA: il vento ci omaggia della sabbia del vicino Sahara, il cielo diventa schermato e la visibilità a lunga distanza ridotta (e la mia casa si riempie di sabbia). Si crea una sorta di “effetto serra” che innalza le temperature.

Molti turisti, non avendo familiarità con questo fenomeno, scambiano la calima per una coltre di nubi: non è assolutamente così, anche se il cielo può ingannare.

Lanzarote, Playa Papagayo con Calima
Lanzarote, Playa Papagayo con calima

 

Come dimensioni, Lanzarote è la “mediana” delle Isole Canarie. Per darvi un’idea, da punta nord a punta sud sono circa 75 km.

Storia

Sapevate che Lanzarote è stata “battezzata” da un italiano?

Ebbene si, Lanzarote deve il nome a Lanzerotto Malocello, l’esploratore ligure che per primo la scoprì.
Anche se le Isole Canarie erano conosciute già dall’era degli antichi romani, i primi insediamenti iniziarono nel 1312 proprio su quest’isola; gli abitanti autoctoni, i Guanci, vivevano in uno stadio totalmente primitivo.

La colonizzazione avvenne quasi un secolo dopo.

Dopo numerosi conflitti, Lanzarote diviene possedimento spagnolo nel 1479 con le altre Isole Canarie.

Se i numerosi attacchi dei pirati dal nord-Africa e nord-Europa non furono abbastanza per devastare l’isola e terrorizzare gli abitanti, anche l’attività vulcanica si impegnò a stravolgere completamente la storia e la geografia di Lanzarote.

Il connubio tra natura e architettura

Un altro motivo per cui Lanzarote è (e resterà, mi auguro) così speciale rispetto alle altre isole, è da ricercare nell’operato dell’architetto Cesar Manrique.

Manrique nasce ad Arrecife, l’odierna capitale di Lanzarote, e dedica gran parte della sua vita a valorizzare gli spettacolari paesaggi dell’isola; si oppone all’edificazione di massa, promuovendo piuttosto la loro valorizzazione grazie ad un perfetto connubio di architettura e natura.

Impressionante artista con lo spirito di un eterno bambino, Manrique ha “giocato” con questa terra plasmandone gli elementi; nascono così i Centri di Arte, Cultura e Turismo di Lanzarote (sito ufficiale ➡︎ CACT Lanzarote).

 

Lanzarote Fundacion Cesar Manrique
Lanzarote, Fundación Cesar Manrique

 

➡︎ Se vi interessa interpretare l’isola dal punto di vista “artistico”, vi consiglio la Fundación César Manrique come prima tappa, per avere una particolare chiave di lettura su tutto ciò che visiterete successivamente.



DA VEDERE A LANZAROTE

Il bello di quest’isola è che può incantare davvero tutti: con le sue spiagge camaleontiche, la sua natura surreale e l’offerta della sua gastronomia… un viaggio a Lanzarote non vi potrà lasciare indifferenti!

Pronti a cominciare il tour…? …si parte!

Zona est – maggiori centri abitati

Se già vi state chiedendo dove alloggiare a Lanzarote, probabilmente sarà proprio in questa zona.
Nella costa est infatti si trovano i maggiori centri abitati e turistici di Lanzarote, a cominciare da Arrecife, la capitale dell’isola.

• Città più che altro residenziale, Arrecife rappresenta il lato più “urban” di Lanzarote; da non perdere una passeggiata al Charco de San Ginés (suggestivo molo circondato da una passeggiata), magari nel weekend, per immergersi nella movida autoctona.

Lanzarote_arrecife_charco-de-san-gines
Charco de San Gines

 

➡︎ Vuoi approfondire Arrecife? clicca qui ➡︎ Arrecife: la mia nuova capitale

 

Costa Teguise fu designata da Manrique come luogo apposito per trascorrere le vacanze.
Il suo Pueblo Marinero, centro nevralgico di ristorazione e piccolo commercio, è il punto di ritrovo per chi soggiorna qui. Ideale per famiglie che cercano belle spiagge di facile accesso e una buona offerta di servizi/ricettività.

Puerto del Carmen è la cittadina più viva dell’isola: un infinito lungomare pieno di locali, tante strutture ricettive, attività turistiche a go-go. Un po’ “la Riccione di Lanzarote”, consigliata quindi a chi non vuole farsi mancare proprio nulla.

• Chi cerca una realtà non compromessa dal turismo di massa sicuramente apprezzerà Playa Honda, zona residenziale dalle caratteristiche casette bianche, con un meraviglioso lungomare dove non mancano ristoranti di cucina locale.
Ideale per un soggiorno più “autentico”, non condizionato da vincoli e sovrapprezzi delle zone turistiche.

Lanzarote Playa Honda
Scorcio della bella Playa Honda

Zona sud – Playa Blanca e Papagayo

Tra i grandi centri abitati di Lanzarote troviamo anche Playa Blanca, con la sua elegante Marina Rubicón.
Cittadina piuttosto viva e ricca di attività commerciali, forse un po’ “al margine” dal punto di vista geografico; è da qui che partono i traghetti per la dirimpettaia isola di Fuerteventura.

Nell’oceano che lambisce Playa Blanca si trova inoltre il primo museo subacqueo d’Europa, il Museo Atlántico.
Ma è proprio qui nell’estremo sud dell’isola che troviamo le sue spiagge più suggestive: la riserva naturale di Playa Papagayo, un paradiso quasi incontaminato di spiagge dorate e acque turchesi con vista sulla vicina isola di Fuerteventura.

 

Playa Papagayo Lanzarote spiaggia
La splendida Playa Papagayo

 

➡︎ Vuoi scoprire le spiagge di Papagayo? clicca qui ➡︎ Playa Papagayo: il paradiso a Lanzarote

Zona sud-ovest – la terra dei vulcani

In questa zona potrete ammirare la maestosità dell’attività vulcanica di Lanzarote.

Cominciando dal Parque Nacional Timanfaya, dove tra enormi crateri e sterminate distese di magma vi sembrerà di stare in un luogo surreale a metà tra Marte e la Luna.
La visita al parco si svolge in autobus, e vi regalerà delle sensazioni uniche. Assolutamente imperdibile!

vulcani Lanzarote Timanfaya
Panorama del Parque Timanfaya

 

Nelle immediate vicinanze troviamo altri tre scenari che vi lasceranno a bocca aperta:

• le Saline di Janubio, scenario da cartolina dove sbizzarrirsi con la fotografia

• le scogliere di Los Hervideros, testimonianza di ciò che accade quando il fiume di lava incontrò l’oceano;

• il lago verde nell’incantevole villaggio di El Golfo.

➡︎ Quest’ultima zona non esisteva anticamente: è il prodotto dell’allargamento dell’isola in seguito all’attività vulcanica.

Zona ovest – il regno del surf

È qui che gli sportivi e gli appassionati del genere si dedicano a sfidare il vento e le onde.

La costa ovest infatti presenta un clima più ventoso e dall’oceano decisamente più “movimentato” rispetto alla costa est.

Playa de Famara, oltre ad essere la spiaggia più estesa di Lanzarote, è la meta preferita per chi vuole praticare o imparare surf – windsurf – kitesurf; e vi assicuro che è uno scenario imperdibile anche per chi (come me) non pratica questo tipo di attività!

Playa de Famara Lanzarote surf
Playa de Famara

 

I villaggi di Caleta de Famara e La Santa sono il rifugio ideale per chi viene a Lanzarote a “giocare” con le onde. Proprio a La Santa ogni anno si svolge il Quemao Class, manifestazione internazionale di surf di livello avanzato (le onde di La Santa sono piuttosto pericolose).

 

Lanzarote kitesurf Famara
Kitesurfing a Famara

 

➡︎ Vuoi scoprire Playa de Famara? clicca qui ➡︎ Welcome to Famara



Entroterra – la regione del vino

La Geria, luogo in cui viene coltivata la Malvasía Volcánica, è un paesaggio unico in tutto il mondo.

Immense distese di terra nera, ricca di minerali propri del terreno vulcanico, sapientemente plasmate dall’opera dei campesinos (contadini) per dare ad ogni pianta il suo giaciglio al riparo dal vento. Il risultato è uno spettacolare pattern di forme circolari che decora pianure e colline a perdita d’occhio.

 

Lanzarote La Geria zocos
Tipico scorcio de La Geria

 

L’operato dei campesinos, che seppero sfruttare una terra così arida ed impervia per coltivare un vino che oggi ha la propria Denominazione di Origine, viene celebrato nel Monumento al Campesino (opera di Cesar Manrique), il quale coincide con l’esatto centro geografico dell’isola.

 

Monumento al Campesino, Cesar Manrique

 

Percorrendo l’entroterra verso nord giungeremo a Teguise, antica capitale dell’isola dalla caratteristica architettura canaria, che ogni domenica mattina ospita il mercato più grande ed importante di Lanzarote.

 

Mercato di Teguise - basilica
Una domenica mattina a Teguise, antica capitale dell’isola

Zona Nord – i tesori dell’isola

In questa zona, oltre alla suggestiva cittadina di Haría immersa in una valle piena di palme, si trovano alcuni dei Centri di Arte, Cultura e Turismo principali di Lanzarote.

Meravigliosi scenari dove la natura dell’isola viene esaltata per dare a chi la visita un’esperienza indimenticabile:

Jardín de Cactus, il vero paradiso per gli amanti delle piante grasse e non solo;

Jameos del Agua, uno spettacolare spazio ricreativo costruito tra 3 aperture vulcaniche, che ospita una specie di granchi unica al mondo e tante altre sorprese;

• la Cueva de Los Verdes, impressionante caverna vulcanica che custodisce al suo interno un segreto;

• il Mirador del Río, spazio architettonico all’estremo nord dell’isola che regala al visitatore un belvedere unico. A mio parere, il panorama più bello di tutte le Isole Canarie. Cosa si vede da qui, è spiegato nel prossimo paragrafo 😀

La Graciosa e l’arcipelago Chinijo

Come vedete, Lanzarote è piena di scenari spettacolari… ma non è ancora tutto.

A nord dell’isola infatti c’è un piccolo arcipelago di isole allo stato quasi primitivo, tutte disabitate tranne una. È l’isola de La Graciosa, ed è proprio lei che ci appare in tutto il suo splendore dal Mirador del Río.

Lanzarote, Mirador del Rio - panoramica
Mirador del Rio – panoramica

 

La Graciosa è una realtà surreale: attualmente è l’unica isola europea a non disporre di nessuna strada asfaltata.
Un’escursione qui vi porterà in uno scenario d’altri tempi, tra case costruite tra la sabbia, natura incontaminata e spiagge paradisiache. Un gioiello che in pochi conoscono, visitarla è un’esperienza unica!

Lanzarote, La Graciosa - Virgen del Mar
Iglesia de la Virgen del Mar

 

➡︎ Vuoi saperne di più su La Graciosa? clicca qui ➡︎ La Graciosa, paradiso magico delle Canarie



SPOSTARSI A LANZAROTE

Arrivare a Lanzarote

Oggi ci sono parecchi voli diretti dall’Italia per Lanzarote: da Roma, Bologna, Pisa, Milano, con le compagnie low cost Vueling, Ryanair e Easyjet. Il volo dura circa 4 ore, fose uno dei più lunghi all’interno della Comunità Europea ma… vale la pena per avvicinarsi un po’ all’Equatore 😀

Essendo territorio Spagnolo, per arrivare qui è sufficiente la Carta di Identità.

➡︎ Da Lanzarote inoltre è possibile:

  • spostarsi con voli insulari verso tutte le altre Isole Canarie (consulta www.bintercanarias.com)
  • raggiungere in traghetto Fuerteventura (20 min), Gran Canaria (6 h), o la penisola Iberica (30 h) (consulta www.navieraarmas.com)
  • raggiungere in ferry l’isola di La Graciosa (20 min) (consulta www.lineasromero.com)
  • raggiungere tutti i maggiori aeroporti Europei.

Veicolo

Con tutta questa “roba” da vedere, avrete capito che a Lanzarote è indispensabile noleggiare un’auto.

Ci sono molte compagnie che affittano macchine a prezzi davvero economici (a partire da 75€ a settimana), quindi nessuna scusa: girate l’isola in lungo e in largo 😀

In ogni caso, c’è un servizio di guaguas (=autobus di linea canari) piuttosto efficiente, che collega quasi tutta l’isola; anche i taxi sono molto economici.

In molti, più che altro tedeschi, affittano una bici per percorrere tutta l’isola; ok, Lanzarote non è enorme, ma davvero ve la sentite?! Se ce la fate, beati voi.

Alloggio

A meno che non abbiate esigenze particolari, vi consiglio di alloggiare in una delle cittadine della costa est, dalla posizione centrale e ben collegata con qualsiasi destinazione (Costa Teguise – Arrecife – Playa Honda – Puerto del Carmen).

• Se volete dedicarvi a praticare/imparare surf, Famara o La Santa.

• Se amate il turismo rurale, le zone di Teguise o Haría sono l’ideale.

• Se siete una famiglia con bambini e cercate una situazione di spiagge attrezzate dalle acque tranquille, hotel, ristoranti: Puerto del Carmen o Playa Blanca faranno al caso vostro.

Per quanto riguarda il tipo di alloggio… attualmente il turismo qui è in prevalenza nordeuropeo (inglese-tedesco). Va da sé che qualora scegliate di pernottare in hotel, le mezze pensioni non vi offriranno il tipo di cibo a cui siamo abituati noi italiani (a parte gli hotel 5*).

Inoltre qui i ristoranti sono davvero economici, per cui vincolarsi con l’offerta di un hotel è un peccato.

➡︎ Consiglio vivamente l’appartamento, ce n’è un’ampia offerta in splendidi resort/condomini con piscina e giardini.

Stai cercando una casa-vacanze a Lanzarote?

Forse posso aiutarti, contattami per saperne di più! 😉

GASTRONOMIA

La gastronomia di Lanzarote a mio parere è ottima!

C’è un’infinita offerta di ristoranti a prezzi economici. Certo, va sempre fatta una distinzione tra i posti turistici e quelli dei “conejeros” (=abitanti di Lanzarote, in gergo locale), sia di prezzo che di qualità.
Ma se vi affiderete alla cucina locale, è impossibile rimanere delusi!

 

Lanzarote atun sama
Carico di tonno e sama pronto per il ristorante!

 

• Pesce a go-go, ci sono molte specie tipiche delle Canarie (come la sama, il mero o il jurel) che consiglio vivamente di provare… magari nella tipica ricetta del Sancocho;

• Se siete amanti del tonno, questo è il vostro paradiso! Viene preparato in tutte le salse: in tartare, a la plancha (=piastra), en adobo (a bocconcini con un mix di spezie tipiche della zona)… e se vi rivolgerete in una delle pescaderie del molo, potrete acquistarlo ad un prezzo davvero irrisorio (circa 7 € al kilo).

• Da provare le tipiche papas arrugadas (piccole patate tenute sotto sale) con salse Mojo (la verde al coriandolo, la rossa alla paprika), le cui ricette variano leggermente di isola in isola, e a Lanzarote sono senza dubbio le migliori!

Arrieta Lanzarote dove mangiare
Croquetas de pescado y pulpo a la plancha con papas arrugadas y dos mojos

 

• Il formaggio di capra è davvero ottimo, sia fresco che affumicato o un po’ stagionato.

• Imperdibile la marmellata di cactus (questa non ve la darà nessun hotel!), dal dolce sapore del fico d’india.

• Come per tutte le Canarie, dolci come il Bienmesabe (a base di caramello, vaniglia e mandorle) o la mousse di Gofio (miscela di cereali dal sapore dolce) vanno per la maggiore.

• E ovviamente… IL VINO. La squisita Malvasía Volcánica, più che altro bianco, nelle versioni seco o semi-dulce.

EVENTI A LANZAROTE

Lanzarote è un’isola molto attiva dal punto di vista degli eventi: competizioni sportive, rassegne eno-gastronomiche, tradizioni religiose si alternano durate tutto l’anno.

E anche se è davvero difficile trovarsi qui in una settimana di calma piatta, potrà esservi utile conoscere i periodi (indicativi!) dei più importanti eventi al momento di organizzare il vostro viaggio a Lanzarote.

Lanzarote Wine Run, corsa tra la regione del vino e fiera eno-gastronomica – 3° fine settimana di giugno

Quemao Class, campionato di surf di alto livello a La Santa – da gennaio a marzo

European Freestyle Pro Tour, competizione di windsurf a Costa Teguise – prima metà di luglio

IronMan Lanzarote, tra i triathlon più impegnativi a livello mondiale – penultimo sabato di maggio

Saborea Lanzarote, festival eno-gastronomico dei sapori dell’isola – ultimo fine settimana di novembre

Carnevale di Arrecife 2017 – foto: livinglanzarote.es

 

Carnevale di Arrecife, il più importante dell’isola, con sfilata di carri e proclamazione regina Drag Queen – 60 giorni prima di Pasqua con durata di 2 settimane (!!!)

• Nuestra Señora de Los Doloresfesta patronale di Lanzarote – 15 settembre, con processione il sabato successivo (Romería de Los Dolores)

 

Romería Los Dolores – foto: ociolanzarote.com

 

Día de los Reyes, sfilata dei Re Magi a cammello – notte del 5 gennaio

Dia de Canarias, festa delle Isole Canarie con concerti folkloristici e fiera delle tapas – 31 maggio




FINE DEL TOUR! 🙂

Spero davvero di aver reso giustizia alla “mia” splendida isola!

Intanto, qui potrete scaricare la mappa di Lanzarote con i principali punti di interesse e luoghi turistici.
Link ➡︎ lanzarote_map_download

…e se trovi la guida utile ed interessante, condividila su Facebook: potrà aiutare te o i tuoi amici ad organizzare il prossimo viaggio!

P.S.: Non hai trovato le info che cercavi? Scrivimi o commenta sotto al post, sarò lieta di aiutarti 😉

Cosa aspetti…? Organizza il tuo viaggio! 


728 x 90 IMU Leaderboard

Banner eMotion 728 x 90

 

 

VUOI SCOPRIRE LE SPIAGGE PIÙ BELLE DI LANZAROTE?

Puoi trovarle qui ➡︎ La SUPER-TOP 10 delle spiagge più belle di Lanzarote

Leave a Reply

Your email address will not be published.